Arrivedorci

Ciao a tutti! Vado in vacanza e ci si rivede a fine agosto inizio settembre, giusto in tempo per il delirio pre-partenza 😉 !

Comunque…primo intervallo significativo…quindi vi saluto e ringrazio tutti! Fino ad ora il blog è stata un’esperienza divertente grazie a voi che avete la pazienza di leggere i miei strippi e le mie sciocchezze! Spero che il prossimo anno (Accademico, s’intende) sarà di nuovo così!

Vi bacio tutti, buona estate e buone vacanze

Violetta

P.S.Scritto in 5 minuti, perdonate, avrei voluto dire di più!

P.P.S. Mi sono accortaora che ho raggiunto le 10000 visite… 😎

Case

Pare che io abbia una casa che mi aspetta ad Edimburgo! Eccola qui

A me pare molto molto carina…molto British, no?Io abiterò al quarto piano, spero che una di quelle finestre giganti sia la mia!Anche se…boh…a voi non sembra che di piani ce ne siano solo 3? Mah, vedremo!

Ora che ci penso…

Stanotte ho sognato che incontravo il mio ex, quello SenzaScarpe, lui lavorava in una Farmacia(in effetti mi stupisco che fra tutte le stronzate che ha progettato e mai portato a termine non ci fosse anche quella della farmacia, tutto è possibile nel mondo dei Senzascarpe) e io facevo mille figure di merda perchè non volevo ASSOLUTAMENTE che lui mi vedesse e non volevo parlarci, ma allo stesso tempo, non so perchè, restavo fuori dalla farmacia ad aspettare che lui uscisse. Forse volevo seguirlo, boh! Comunque alla fine lui mi vedeva ed ero costretta a salutarlo, ma la cosa peggiore è che luisi accorgeva di tutto questo mio macchinare per evitarlo…Mah!Il subconscio…

Un week-end vissuto pericolosamente

…soprattutto dal mio apparato digerente!

Dunque, venerdì sera tutti quanti a Bonacompra, paesino vicino a Cento, per la Sagra della Salama da Sugo, noto cibo tipicamente estivo, leggero da digerire ed adatto alle temperature tropicali che può raggiungere la bassa a fine luglio. Dopo esserci strafogati, tra salame da sugo, tortellini, lasagne e cotolette di ripiego(non tutti hanno gradito la salama…anzi…quasi nessuno. Eheheh), dopo avere preso anche il dolce e l’ammazza caffè, è stata la volta della Pesca parrocchiale. Di solito non vinco nulla, quindi ho comprato più biglietti degli altri, ne ho comprati 5. Beh, stavolta la fortuna mi ha sorriso…2 premi! Il primo era un piccolo(anzi minuscolo)cestino di vimini, infatti ho subito detto:Ah ecco vedi? Ho sicuramente vinto i premi più scrausi della festa. E invece… l’omino della pesca afferra il secondo bigliettino ed incede verso i premi. Premio numero 1300…l’omino stesso, incredulo dei suoi stessi occhi, indica con entrambi i diti indici il mio super premio…una macchina per fare i pop-corn! Ma non una macchina qualsiasi, bensì quella dell’Ariete, serie Walt Disney!! Nessuno poteva credere ai suoi occhi! Gli altri per fortuna hanno vinto qualcosa di più utile…LE BOLLE DI SAPONE!!!Quindi, dopo aver ballato un twist d’obbligo suonato dall’orchestra “I Gigolò”, ci siamo messi a fare le bolle di sapone nella piazza, divertendoci come matti a cercare di farle più grosse possibile e a cercare di tenerle in aria col soffio, prorpio come da bimbi. E infatti, presi dal sacro fuoco della fanciullezza, ci siamo fiondati nel parco giochi del paese, su scivoli e altalene, tutti mezzi ubriachi, non si sa bene se dal vino o dal ridere. Abbiamo anche  improvvisato una partita di calcio sull’erba umida, come ogni gruppo di bambini che si rispetti non avrebbe mancato di fare, con conseguenti lanci di scarpe assolutamente inadatte-leggi:sandaletti-e cadute di quelle proprio epocali, in cui uno, non si sa come nè perchè, si ritrova sdraiato per terra col culo dolente e la testa rintronante. La serata si è conclusa con una “partita” a Uno due tre per le vie di Roma e siamo andati a casa tutti più contenti. Pancia piena e mente un pochino più leggera! 🙂

Sempre per la gioia di palato, intestino e fegato, Domenica merenda super porca dalla Frens! Grazie al Bymby abbiamo gustato Crepes alla crema di Gianduia farcite con panna montata e zucchero a velo seguite, badate bene, da Crepes salate farcite con pomodorini secchi, funghetti sott’olio, patè di funghi tartufati e cremina piccante! Scondo voi ho cenato?

Acidità

Non so mica perchè, ma in questi giorni sono estremamente irritabile. Anzi direi proprio irritata. Richi ieri mi ha detto che con me la Cartina Tornasole diventerebbe viola proprio come il mio nome. In effetti non so cosa sia la cartina tornasole, ma immagino serva a misurare l’acidità del pH. Comunque sì, acidità intrinsecamente assunta. Irritabilità diffusa, anche fino al Colon. Nervosismo alle stelle senza alcuna causa apparente…o forse una c’è…o forse due…o forse anche tre.

Chiedo pubblicamente scusa su queste pagine a chiunque verrà maltrattato da me nelle prossime n ore,

Acidamente vostra

pH1

Ricordo un pomeriggio di settembre di dieci anni fa, quando per la prima volta soffrivo per amore. Ricordo bene che ero al telefono con il ragazzo che mi aveva spezzato il cuore e gli raccontavo di quanto fosse difficile per me. Lui mi disse che sarebbe passata e poi aggiunse: Apri la finestra, guarda il cielo e tira un bel respiro. Vedrai che tutto andrà meglio.

Aveva ragione. Quella volta ha funzionato, forse perchè me l’aveva detto proprio lui e quindi la cosa aveva un sapore diverso. Fatto sta che mi capita spesso, quando sono un  po’giù, di ricordarmi quelle parole. Incredibilmente di tutto quel dolore mi è rimasto questo piccolo consiglio, molto semplice e forse un po’banale per la verità, ma non per questo meno vero.

Quindi, se siete giù, aprite la finestra, guardate il cielo e tirate un bel respiro. Vedrete che tutto andrà meglio!

Ufficializzazioni

Sono ufficialmente una studentessa dell’Università di Edimburgo. Mi sono arrivati tutti i moduli, domani li spedisco e poi mi resta solo da decidere:Quando?

Sono ufficialmente una cretina. Mi sono fatta distrarre dalla vita e non ho passato il mio”ultimo”esame. Ultimo prima della partenza. E saranno tutti cazzi miei quando tornerò. Comunque di conseguenza sono…

Ufficialmente in vacanza, visto che mi ero ripromessa di trovare un lavoretto estivo ma, come mi ha detto qualcuno di molto saggio, se non lo cerchi tu, è difficile che un lavoro trovi te!

Poi sono ufficialmente in ansia. I miei amici cominciano a tornare a casa per le vacanze, a partire, anche per anni ed io inizio a realizzare che davvero sto partendo,e sto partendo da sola, e non è che quando aprirò la valigia nella mi cameretta di Edimburgo, Bologna e le persone che amo ne salteranno fuori magicamente come nella favola di Prezzemolina. Questo devo metterlo in conto, io il cordone ombelicale non ce l’ho attaccato a mia madre, ma ai miei amici e alla mia città!

Ed infine sono ufficialmente fusa, la testa è troppo piena e di conseguenza troppo vuota. Persone  e pensieri entrano ed escono dalla mente e dalla vita uso ridere. C’è sempre troppo da riflettere su questo.